SCIENZA OMNIA 
RIVISTA DI SCIENZA ON-LINE 
 
 
 
A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
N
 
O
 
P
 
Q
 
S
 
V
 
Z
 
 
 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
UN VERO AMICO 
 
Il fisico, matematico e molto altro ancora Isaac Newton (1662- 1727), ebbe un solo vero amico: l'astronomo, matematico Edmund Halley (1656-1742); fu lui il solo a comprendere il suo genio tanto da pubblicare a proprie spese gli studi che fece sulla gravità, i quali permisero poi innumerevoli applicazioni in vari campi.  
Oggi Newton viene considerato uno dei più grandi scienziati mai nati sulla terra, ma non fu visto certo subito così dai contemporanei. Dotato di un brutto carattere che tendeva ad isolarsi, si sentiva incompreso, così la sua immensa opera scientifica sarebbe andata perduta se Halley comprendendone la portata, non permise la pubblicazione della sua “Philosophia Naturalis Principia”, dove descrisse la legge gravitazionale universale e le leggi del moto. Quindi, se poi ci fu la rivoluzione scientifica che creò il nostro mondo moderno, lo dobbiamo non solo a Newton, ma anche ad Halley.  
Comunque se Halley rese immortale Newton, egli rese poi immortale Halley. Le leggi sulla gravità usate sapientemente da Halley gli permisero di fare importanti scoperte e oggi il suo nome oltre ad una famosa cometa, è stato dato anche ad un cratere su Marte e ad una stazione di ricerca in Antartide. 
 
(FAGR 15-1-18)
Isaac Newton 
Edmund Halley