STORIA OMNIA 
RIVISTA DI STORIA ON-LINE 
 
 
 
A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
N
 
O
 
P
 
R
 
S
 
T
 
V
 
U
 
Z
 
 
 
 
 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IL CONTE VERDE 
 
L'importanza di abbinarsi a dei colori per essere meglio ricordati sia nel proprio tempo che riguardo ai posteri, lo capì bene Amedeo VI di Savoia (1334-1383), un leggendario nobile sabaudo soprannominato Conte Verde.  
Essendo amante dei tornei quando vi partecipava sotto vessilli e armi verdi, probabilmente all'inizio solo per puro caso, notò quanto fosse a suo favore l'essere soprannominato il Conte verde; gli avversari presero a temerlo per la sua fama facilitandogli il compito di sconfiggerli nei giochi medioevali.  
Quando salì al trono continuò quindi a vestirsi sempre di verde. Fu un ottimo sovrano, anche se lasciò regnare quasi sempre sua moglie Bona di Borbone, perché lui oltre che uomo saggio, volle divenire un grande guerriero e ci riuscì, infatti la sua fama valicò perfino i confini italiani (oggi una statua ricorda il suo valore a Torino in piazza Palazzo di città). 
Amedeo VI è attualmente celebre per aver fondato l'ordine del Collare (detto dell'Annunziata) e anche per la fama che si fece come dongiovanni di cui sopravvivono molte leggende. Tuttavia fu quasi certamente la sua passione per i colori a donarci come colore nazionale l'azzurro e soprattutto per questo motivo andrebbe ricordato. 
Se qualcuno prima di lui usò tale tonalità per distinguersi non vi è traccia, mentre si sa che Amedeo VI quando partecipò alla crociata indetta dal papa Urbano V, volle sulla nave ammiraglia di una flotta di 17 navi una bandiera azzurra come simbolo della Madonna a cui era devoto.  
Da quel momento il colore azzurro divenne sempre più importante in casa Savoia e anche con l'avvento della Repubblica italiana, l'amore per questo colore rimase intatto. 
 
(FAGR 10-9-17) 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
LA FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO ESEGUE QUALSIASI DIPINTO DAL 1200 AL 1900, CON GLI STESSI PROCEDIMENTI E TECNICHE USATE DAI GRADI MAESTRI DEL PASSATO, REALIZZATI RIGOROSAMENTE A MANO. 
RICHIEDI UN PREVENTIVO GRATUITO 
info@pec.falsodautoregiulioromano.it